Ma non è che ci stiamo lamentando troppo per l’egemonia tedesca?

Che la comunità del carbone e acciaio, nata per evitare guerre civili europee fosse destinata, in concomitanza con cambiamenti di ordini internazionali e finanziari, a cambiare ed aggiornarsi ad una versione 3.0 ritengo sia normale. Come ritengo sia normale che un tale cambiamento è utopico immaginarselo rapido ed indolore, ma non vedo perché ancora la Germania non abbia profittato della sua posizione egemonica per eleggersi a vassallo, paladino, strada da percorrere e seguire.

Annunci

One thought on “Ma non è che ci stiamo lamentando troppo per l’egemonia tedesca?

  1. A mio avviso è prima di tutto una questione di opinioni: su cosa vogliamo basarci? Quali sono i nostri punti fermi come Europa?
    Se non erro punti del genere sono stati fatti, ma già (quasi) dimenticati.
    Quello che vedo io è che l’Europa è fatta di rigore (sia dentro che fuori) e di “condivisione”. Sul primo punto non voglio soffermarmi perché è una questione di politica. Invece il fatto della “condivisione” è una vera e propria idiozia: punto primo, tutti gli agricoltori devono fare un tot. di raccolti. Le dimensioni devono rimanere tra i paramentri richiesti. Tutto quello che uno ha deve essere per legge BUTTATO, invece che regalaro a persone più povere, a paesi in guerra o nei terzi mondi. In questo modo, più o meno, viene condivisio tutto. A parte l’esercito (per ora) e i SOLDI. In tutti i paesi, nelle regioni, cantoni o quello che siano, i profitti vengono rimescolati, così che le ricchezze siano sparse per bene, così che non ci siano troppe differenze tra le parti più ricche e quelle più povere. Chi sa come mai si sono dimenticati questa condivisione fondamentale.
    Il penultimo punto sul quale voglio soffermarmi è quello sul “come diventare un paese ricco”. Non so a che età ci si arrivi a capire che noi bambini/ragazzi/uomini e donne non siamo tutti ugali, credo abbastanza presto però. Cioè: se il primo figlio ha bisogno di un’educazione severa, non vuol dire che il secondo figlio debba ricevere la stessa educazione. Così per gli stati, se la Germania diventa ricca risparmiando (per esempio), non vuol dire che la Grecia, con lo stesso sistema di risparmio, possa diventare ricca come la Germania. Altro esempio: Se la Spagna campione del mondo e due volte d’Europa è davvero forte giocando in un modo, non vuol dire che nel prossimo mondiale vinca di nuovo; il mondo esterno cambia sempre, niente resta mai uguale come prima. Per agganciarci un ultimo esempio: Se con una “tattica” nell’anno X cresce, non vuol dire che cresca negli anni X+n magari per i prossimi tre anni, ma intanto si deve pensare a come cambiare questa tattica, perché come detto prima non reggerà per sempre, ancora meno in quest’epoca che tutto cambia ad una velocità impressionante; se fossero placche tettoniche, le si vedrebbero muovere a occhio nudo.
    Ultimo punto: l’Europa è nata ed è ancora adesso una questione di pura politica. I cittadini non hanno mai votato DIRETTAMENTE per l’Europa, per questa EUROPA, non hanno mai potuto veramente dire o decidere qualcosa in primis. Non credo che neanche che sia possibile fare un vero referendum sulle decisioni prese dall’Europa. Questo secondo me è il fattore scatenante dell’insoddisfazione su questa Europa.

    Fac.: L’Europa è una cosa buona e giusta, ma dovrebbe essere più vicina al popolo, più concentrata sui nostri beni, sulla cultura, il cibo sano, sulla vita e meno sulla finanza, borsa (cosa che io vieteri), sul profitto sulla regidità e rispettare tutti i popoli che stanno al di fuori dell’Europa e non criticare ogni loro decisioni. Che l’Europa, come l’America non sono i “buoni”. Non è mai una questione di bene o di male. Ma di vivere in pace, partendo da se stessi, nell’anima.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...