Fra un’apnea e l’altra

Una poesia al contrario del porto sepolto di Ungaretti. Lui da giù nuotava in superficie per consegnare i suoi fogli, in questa poesia invece si sale solo un attimo, senza lasciare niente, per poi tornare giù. Una poesia simbolo della debolezza della poesia dei giorni nostri?

Pierluigi Rossi

Fra un’apnea e l’altra, mi gratto

la testa e do un’occhiata intorno,

per assicurarmi

che il mondo non sia finito.

Quindi inspiro e torno sotto.

View original post

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...